Stampa

LA PARLATA DE MAMMA E DE TATA ovvero LA LINGUA DEGLI AFFETTI E DELLE EMOZIONI è il tema dell’incontro promosso dalla UNIVERSITA’ DELLE TRE ETA’ di Ostuni per Venerdì 17 gennaio 2020 con inizio alle ore 17.30 presso l’Auditorium del Liceo Scientifico ‘L. PEPE‘ (g.c.).
L’iniziativa che coincide con la Giornata Nazionale dedicata ai Dialetti e alle Lingue locali ha lo scopo di passare in rassegna il ricco e prezioso patrimonio storico culturale e letterario che a partire dall’800 hanno contribuito a dare prestigio alla ‘PARLATA DE STUNE‘ attraverso letture e declamazioni di brani tratti dalle opere in prosa e in poesia  scritte da don Arcangelo Lotesoriere,  Oronzo Paolo Orlando, da Mons. Francesco Tamborrino, da Pietro Pignatelli, ma anche da Tommaso Nobile, Francesco Amerigo Nacci fino a Domenico Colucci, Silvio Carrino, Nello Ciraci ma anche ai tanti cultori del dialetto di oggi da Rosario Santoro a Ottavio Bari , da Pasquale Scalone a Lorenzo Cirasino , a Carmelo Zurlo e a tanti altri. Senza dimenticare gli autori di Commedie da Mimino Colucci a Silvio Iurleo, da Mario Crescenzo a Pina Moro.
Letture che avranno come leit motiv il mondo degli affetti e delle emozioni da alcune serenate eseguite da Lorenzo Marseglia.
Insomma un viaggio attraverso le varie forme espressive di una lingua che si è guadagnato prestigio e interesse al punto da avere un proprio vocabolario ed una grammatica con le nozioni generali in materia di ortoepia e ortografia ma anche di costrutti lessicali e sintattici.